Un ufficiale non fa sempre un gentiluomo…

Un ufficiale non fa sempre un gentiluomo…

on Mag 17, 13 • by Mammatosta • with No Comments

Come ho scritto nel titolo c’era una volta ufficiale e gentiluomo…ora una divisa non è più una garanzia di questo… Ieri pomeriggio stavo lasciando la piccola a danza moderna… Il corso si trova nella palestra di una scuola elementare… Purtroppo proprio ieri pensavo di fare in fretta in...
Pin It

Home » Articles, Mammatosta » Un ufficiale non fa sempre un gentiluomo…

Come ho scritto nel titolo c’era una volta ufficiale e gentiluomo…ora una divisa non è più una garanzia di questo…

Ieri pomeriggio stavo lasciando la piccola a danza moderna… Il corso si trova nella palestra di una scuola elementare… Purtroppo proprio ieri pensavo di fare in fretta in quanto avevo la grande che ritirata da scuola risultava malaticcia. Quindi parcheggio la macchina davanti a un passo carrabile per far scendere la piccola…nemmeno il tempo di aprire la portiera che mi si avventa questo vigile con un fare alquanto minaccioso… continuando con questi modi poco gentili mi dice di risalire in macchina e di spostare la macchina… Ho capito subito che non c’era verso di tentare di spiegargli la mia situazione mi sembrava che stesse già schiumando dalla rabbia…
Quindi salgo in macchina ma nel girarla incrocio il vigile, cosi abbasso il finestrino e infastidita dalla sua aggressività gli faccio presente che si trattava di tollerare un minuto per far scendere la bambina… e non potevo lasciare l’altra in macchina perché malata… Mi ha risposto che la bambina malata la dovevo lasciare a casa e che non erano problemi suoi questi e che non sono l’unica madre in giro!!! Dopo tanta arroganza e aggressività non ci ho visto più e ho iniziato a urlargli contro… ma poi me ne sono andata visto che mi sembrava un pò impazzito per come mi rispondeva…

Cosi grazie a questo vigile ho dovuto parcheggiare lontano e lasciare la bambina in macchina incustodita che per me è molto peggio del minuto di tolleranza che poteva concedermi…

Comunque tornata a casa, davvero incavolata ho detto a me stessa che non doveva finire cosi, che una divisa non deve essere sinonimo di tanta  aggressività e sorpruso e nemmeno prevaricazione in un paese dove gentilezza e rispetto dovrebbe essere una prerogativa per tutti,  in divisa e non, almeno cosi dicono…

Allora mi sono messa al computer e ho aperto il sito del comune cercando gli indirizzi email del comando dei vigili e quello del sindaco…

Ho scritto la mia mail di protesta e questa è stata la loro risposta:

“Gent.ma Signora,

ho letto la Sua e-mail e naturalmente mi dispiace e mi scuso per i modi che, come da Lei riferito, sono stati posti in essere da uno dei miei agenti.
Purtroppo l’educazione, molto spesso, non è patrimonio di tutti soprattutto di chi, svolgendo un ruolo al servizio della cittadinanza, dovrebbe comportarsi in maniera civile ed avere un livello di educazione ben più alto di chi non indossa una divisa anche se, quotidianamente, si imbatte in automobilisti indisciplinati che con le loro piccole o grandi infrazioni stradali non rispettano il nostro lavoro.
Ovviamente un episodio del genere seppur sgradevole non può e non deve inficiare il ruolo e l’immagine della polizia locale e, sopratutto, dell’Amministrazione Comunale sempre attenta alla corretta ed educata relazione con i propri cittadini.
Resta inteso che questo Comando si attiverà prendendo provvedimenti nei confronti dell’agente in questione.
Nel rinnovarLe le mie scuse a nome del Comando di polizia locale e nel ringraziarLa per la segnalazione Le porgo cordiali saluti.
LG
Comandante Polizia Locale”
 

Questo si che è un bell’esempio di civiltà 🙂

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scroll to top